Posso fidarmi dei tarocchi?

Quante volte ti è capitato di vivere momenti di sconforto?

Posso fidarmi dei tarocchi?

Posso fidarmi dei tarocchi?

Per una delusione d’amore o un sentimento non ricambiato, per il lavoro che non ti
gratifica come meriti o per la tua famiglia che non condivide le tue scelte?
E magari hai pensato di affidarti all’arte divinatoria e alla cartomanzia, di rivolgerti
ad un sensitivo, un veggente, per trovare una soluzione ai tuoi problemi.
Ma qualcosa ti ha fermato!

Forse il dubbio che farti leggere i Tarocchi possa davvero essere la soluzione giusta.
Oppure hai paura di avere risposte che non vuoi sentire e che potrebbero
amplificare il tuo stato d’ansia e di confusione.
Se ti identifichi in almeno una delle cose che hai letto finora vai avanti con la lettura
e troverai la risposta a tutti i tuoi dubbi.
In questo articolo voglio chiarirti come la Lettura dei Tarocchi può aiutarti e perchè
non devi averne alcun timore.

Ti svelo il motivo per cui farti leggere i tarocchi ti aiuterà.

Non vorrei deluderti in questo momento ma devo dirti esattamente come stanno le
cose: i Tarocchi non prevedono il futuro.
Quindi se ti aspetti di scoprire il tuo futuro, perché pensi che sia già deciso, non sei
sulla strada giusta!
I Tarocchi prevedono un “futuro possibile”, ciò che potrà essere rispetto al punto in
cui ti trovi. Se le cose cambiano anche l’esito cambierà.
Questo vuol dire che i Tarocchi devono essere per te uno strumento di conoscenza,
una guida per affrontare al meglio una situazione che ti sta a cuore.
Se vuoi che la Lettura dei Tarocchi per te funzioni devi fare tesoro di ciò che ti è
stato rivelato e seguire i suggerimenti ricevuti per far avverare quanto è stato
previsto.
Ed ora ti starai chiedendo:
Come faccio a riconoscere il chiaroveggente dal ciarlatano?

Sicuramente i Tarocchi vanno fatti da un cartomante che sia assolutamente
estraneo alla tua vita per non influenzare il responso.
Inoltre ti consiglio di affidarti ad un veggente che ti fa sentire bene e al sicuro. E’
importante che fra il cartomante e il consultante si crei una certa empatia per avere
risposte dalle carte dei Tarocchi nel modo più dettagliato possibile.
Non fidarti del sensitivo che ti dice solo cose positive o solo cose negative, magari
solo per metterti in uno stato di angoscia e trarre profitto dalle tue debolezze.
E soprattutto non affidarti alla “cartomanzia fai da te”. L’interpretazione delle carte
dei Tarocchi è un dono innato e si basa sulle capacità di percezione e sensibilità di
persone che sono in grado di aiutare in un determinato percorso di vita chi si affida
alla loro guida spirituale. Molte persone hanno questo dono ma non sanno
svilupparlo, perchè per farlo c’è bisogno di un lungo studio accompagnato da anni
di esercizi e pratica.
Un bravo operatore esoterico è colui che trasmette fiducia e ti consiglia i mezzi
giusti per vivere al meglio la vita.
Per rispondere quindi alla domanda posta nel titolo di questo articolo ti dico SI,
PUOI FIDARTI DEI TAROCCHI MA PRIMA DEVI FIDARTI DEL CARTOMANTE!

Recensioni sensitivi…attendibili o no?

Immagine

Recensioni Vincenzo Fumarola

Recensioni sensitivi

Oggi sono di gran moda le recensioni ed i commenti che appaiono su forum, blog, siti appositamente creati per esprimere il proprio grado di soddisfazione di un bene strumentale o di un servizio.

Questa moda del web ha avuto inizio qualche anno fa con alberghi e ristoranti ed ora si è diffusa anche alle categoria più impensabili come per esempio i medici o gli avvocati. Insomma, in Italia negli ultimi anni tutto e tutti sono recensiti e giudicati sulla rete. Nulla sfugge più al giudizio severo ma talvolta fasullo dei consumatori.

Fra questi ovviamente sono finiti anche i sensitivi e gli operatori esoterici. Il problema è che chi recensisce è sempre anonimo,  si nasconde dietro un nick name o anche generalità che potrebbero essere inesistente e non sono mai verificabili.
In generale, alcune recensioni sono anche reali, ma quanti ristoratori hanno scritto, utilizzando diversi nick, che nel proprio locale si mangiava un gran bene eppoi non era vero affatto?
Lo stesso vale, ahinoi, soprattutto per la nostra categoria.

Su molti forum appaiono giudizi severissimi, talvolta diffamatori verso qualcuno, e addirittura elogi sperticati verso altri. Ma bisogna crederci? Come si suol dire, la verità è sempre nel mezzo. Molti recensori sono, purtroppo, concorrenti sleali che cercano di diffamare altri operatori magari più popolari, più richiesti o più bravi, altri sono sempre operatori che si fingono clienti soddisfattissimi di tizio o di caio e gli fanno indirettamente pubblicità.
Addirittura alcuni forum e blog sulla magia, cartomanzia ed esoterismo sono di proprietà di operatori stessi del’occulto che ovviamente cercano di dirottare clienti verso il proprio studio, mettendo in cattiva luce tutti gli altri.
Nonostante l’altissima percentuale di truffatori ed operatori finti, incapaci o in cattiva fede, vi invitiamo a valutare con la dovuta cautela le recensioni su un sensitivo o un cartomante, chicchessia.

Il modo migliore è farsi un giudizio personale contattando la persona-una telefonata oggi non costa niente o quasi- e ascoltare i suoi argomenti, le sue proposte e soprattutto il suo modo di approcciarsi al cliente. Il contatto diretto vale, credetemi, più di qualsiasi testimonianza scritta in rete.
Addirittura negli ultimi tempi sono apparse in rete intere pagine ospitate da siti gratuiti, firmate da presunti scienziati del paranormale o sedicenti giornalisti di inchiesta a vantaggio o svantaggio di questo o quell’operatore.  Poi da controlli effettuati ne è emerso che coloro che erano gli autori non risultavano né iscritti all’albo dei giornalisti né erano in alcun modo conosciuti nella comunità scientifica che studia la fenomologia del paranormale, e quindi trattasi chiaramente di operazioni fasulle e sleali, volte a mettere in cattiva luce, diffamare, o a propagandare l’uno o l’altro esoterista.

Il consiglio è, come al solito, di adoperare molta prudenza, di instaurare un contatto diretto con chi potrebbe aiutarvi, di conoscerlo, di fargli molte domande e pretendere spiegazioni e non limitarvi solo a domandare i prezzi delle prestazioni  e di affidarsi al vostro sesto senso. Che anche se non siete sensitivi a volte non sbaglia mai. Potrebbe tornarvi utile a tale scopo il mio decalogo che trovate cliccando qui

Sospetti un tradimento? Scoprilo con i tarocchi

tarot-991041_640Hai paura che tuo marito ti tradisca? Ti senti trascurata?
Sospetti che il tuo compagno abbia una relazione con un’altra donna?
Questo dubbio ti tormenta e non riesci più a dormire la notte?

Cosa  ti succede?
Avverti qualcosa di strano, non sai esattamente cos’è ma sicuramente lui è diverso da prima. Lo senti nervoso quando gli parli, freddo e distaccato quando gli sei vicino.

Strani pensieri ti danno il tormento e si fa sempre più forte l’idea che ti stia nascondendo qualcosa. Forse si tratta semplicemente di incomprensioni oppure ha problemi a lavoro. Le difficoltà per arrivare a fine mese e la responsabilità della sua famiglia lo rendono preoccupato e questo lo fa allontanare da te, fuori e dentro il letto…
O almeno questo è  quello che lui ti dice per giustificare i suoi comportamenti, il suo cambiamento.
Ma il tuo sesto senso ti dice altro: mio marito mi tradisce!
Sai perfettamente che qualcosa nella tua relazione non va e temi che il tradimento sia la risposta a certi strani atteggiamenti del tuo partner.

Continuando a leggere questo articolo troverai la soluzione che ti aiuterà a prevedere pericoli e delusioni e a giocare d’anticipo sul destino.

Con l’aiuto dei tarocchi e della cartomanzia potrai decifrare i passaggi oscuri della vita e avere le risposte che cerchi prima che sia troppo tardi.

Con la veggenza e la sensitività potrai ripercorrere la tua vita passata, renderti conto del tuo presente e aprire gli occhi verso il futuro. Scioglierai così ogni tuo dubbio e potrai percorrere la strada della verità.

Spesso però si è convinti che il matrimonio sia finito o che ci siano stati più volte tradimenti, ma spesso i tarocchi ci svelano che non è così. Magari il partner ha cercato affetto fuori dalle mura domestiche perché a sua volta si sentiva trascurato, ma non ha mai tradito veramente.
Grazie ai consigli e alla sensibilità di un cartomante esperto potrai recuperare il tuo rapporto di coppia.

In che modo?

Se il cartomante a cui ti rivolgi ti conferma che una terza persona si è intromessa nella vostra storia potresti pensare di farti aiutare con i legamenti d’amore (leggi questo articolo). Assicurati però che sia un professionista!

La cartomanzia non è solo un aiuto per i problemi sentimentali.

I tarocchi possono indicare la strada giusta da seguire quando si è di fronte a scelte importanti e complicate che riguardano:
- il lavoro ( investimenti sbagliati, attività commerciali in crisi, mancanza di fiducia di un socio in affari)
- il rapporto di coppia (liti quotidiane, incomprensioni, calo del desiderio)
noi stessi (mancanza di autostima, paura del futuro).

E’ importante affidarsi ad un esperto che metta in campo la sua competenza per individuare i problemi e interpretare il destino attraverso i tarocchi consigliando le scelte giuste da compiere.

Considera i tarocchi un’ispirazione che stimola una riflessione rispetto alle tue decisioni perché…. E’ SEMPRE POSSIBILE CAMBIARE IL FUTURO!

Cartomanti e Sensitivi, qual è la differenza?

tarot-991041_640

I consulti di cartomanzia, le veggenza? Sono un settore molto complesso, dove non è affatto facile orientarsi e dove si può altrettanto facilmente finire nelle mani di persone sbagliate che possono trasmettere ansia, angoscia e paura, magari involontariamente, ma questo è, in ogni caso, nocivo per il cliente.

Innanzitutto facciamo una doverosa differenza fra cartomante e sensitivo: il cartomante legge ed interpreta le carte, siano esse tarocchi, sibille, napoletane od altro, il sensitivo invece va al di là delle carte, egli usa le carte come un mezzo e non come un fine. Le carte sono solo uno degli strumenti di cui dispone un sensitivo, che ne ha molti altri, il cartomante, invece, si limita alle carte e basta.

Esistono ottimi cartomanti, che possono aiutarvi ma il sensitivo ha degli strumenti in più per prevedere il vostro futuro ed interpretare gli avvenimenti del presente, dandogli una risposta. Il sensitivo utilizza innanzitutto le proprie doti di… sensitivo, le sue percezioni, le sue sensibilità, se dispone dell’aiuto di uno spirito guida, questo gli darà suggerimenti, indizi, risposte. Il sensitivo, ad esempio, può usare il pendolino: spesso questo misterioso oggetto è di metallo, ma in alcuni casi può anche essere una pietra naturale. Io ad esempio ne ho uno di pietra grezza. Il pendolino può essere utilizzato su fotografia, per percepire i sentimenti di una persona verso un’altra, o per percepire se la persona che è oggetto dell’analisi è sincera o meno, se mente o tradisce, etc etc. La radioestesia, l’arte appunto di utilizzo del pendolino, è una scienza antica ed affascinante.

Ma come dovete comportarvi se chiedete un consulto ad un sensitivo? Per prima cosa, un vero consulto deve essere approfondito, deve durare almeno una mezzora. I consulti flash di pochissimi minuti,-peggio ancora la singola domanda- spesso promossi dagli stessi operatori come “gratuiti”, non servono a molto. Anzi, possono confondere solo le idee del consultante. Sono solo brevi panoramiche che non possono, per ovvie ragioni di tempo, darvi un quadro chiaro della vostra situazione. Non solo, molti operatori usano “il consultino gratis” per poi intimorire il cliente, raccontandogli che lui-o la persona amata- sono afflitti da malocchi, fatture e negatività, per poi propinargli rituali di purificazione o altro, senza i quali il problema non si risolverà mai. Un sensitivo che ha cuore le sorti di un cliente, naturalmente, non agirà così, ma sarà solo attraverso uno studio lungo e minuzioso che potrà effettuare una diagnosi del vostro problema ed anche –e soprattutto-una previsione sul futuro.

Ricordatevi anche che un bravo sensitivo non vede solo gli eventi per i prossimi pochi mesi, ma riesce a vaticinare accadimenti anche nei prossimi uno o due anni, se non di più. Ovviamente dopo qualche mese lo scenario può anche modificarsi un pochino, le veggenze di una volta non valgono per l’intera vita, ma periodicamente vanno rifatte. Diciamo che almeno quattro veggenze all’anno sono utili.

In ultimo, un bravo sensitivo è in grado di raccontarvi episodi o comportamenti di qualcuno dei quali non è a conoscenza. Vale sempre il vecchio consiglio di non svelare tutto a chi vi effettuerà il prossimo consulto, ma di lasciarlo libero di parlare e dire

Vincenzo Fumarola

Sensitivo può far riapparire una persona scomparsa nei propri sogni!

Può un sensitivo far riapparire una persona scomparsa nei propri sogni? La risposta è si! Come? In primis esistono una serie di incantesimi per far questo, ma io credo, con la mia esperienza di sensitivo, che il problema principale sia effettivamente capire cosa cerca veramente il mio assistito dall’affetto che è venuto a mancare.

Faccio una premessa, nella maggior parte dei casi prima si interviene e maggiori sono le possibilità di rievocare la persona desiderata con maggior fervore.
Se avete deciso, però, dopo molti anni di rievocarla attraverso un sensitivo, non scoraggiatevi, questa non è una legge esatta, l’importante è avere tanta voglia di rivederlo, questo ci aiuterà nel raggiungimento del nostro obiettivo.

L’interpretazione dei sogni è una materia alquanto delicata, i sensitivi devono avere una buona dimestichezza ed esperienza nell’associare i simboli rivelati.

Spesso la rievocazione da parte di un sensitivo è abbinata all’uso di un oggetto precedentemente utilizzato dalla persona che vogliamo che ci appaia in sogno, ma un vero sensitivo saprà che questa non è l’unica strada da percorrere e nel mio caso lo faccio presente ai miei assistiti i quali, o per passate esperienze o per averlo letto su qualche forum, si interstardiscono esclusivamente su questa strada.

La prima via da percorrere è capire perchè si vuole ritrovare quella persona. La risposta più frequente è di facile intuizione “mi manca tantissimo”. Bene, allora detto in questo modo risulta impossibile poichè non è attraverso un sogno che appacherete una mancanza così importante.

Un’altra risposta che mi capita soventemente  è quella che avete il rimpianto di non avergli detto qualcosa, di non aver fatto qualcosa, oppure che vi sentite in colpa  per la sua morte e volete essere rassicurati, rincuorati. Questo è un argomento delicato ed io, come i miei colleghi in qualità di sensitivi, non possiamo far altro che mettere a disposizione il nostro lato umano per cercare di lenire il vostro dolore ma purtroppo devo dirvi che difficilmente riuscirete a dirgli qualcosa, spesso sono solo loro che vi diranno un loro pensiero in sogno.

Escluse queste strade tutte le altre sono abbastanza percorribili.

sensitivo legamenti d'amore

Sensitivo esperto nei legamenti d’amore e magia bianca

Una volta che il sensitivo che vi assiste ha trovato un valido motivo sui cui lavorare possiamo passare al mezzo per rievocare la persona desiderata nei propri sogni.

Generalmente il mezzo stà proprio nelle vostre parole di stima o affetto, rispetto, o altre doti che avete sempre ammirato nella persona da ricordare, è proprio quando parlate di lui/lei che potremmo avere un buon riscontro nei vostri sogni.

Essere stati giusti nella vita, tipo un padre perfetto, una moglie invidiabile, aiuta tanto nella ricerca del vostro affetto oramai perduto per sempre.

Attenzione però, se non vi siete comportati anche voi in maniera giusta, vera, altruista, con questa persona o pensate che con questa, soprattutto nel periodo antecedente alla morte, avete avuto qualche atteggiamento sbagliato, o fatto qualcosa che la persona proprio non voleva è molto più laborioso arrivare a farlo riapparire in sogno..ma non impossibile!

E voi avete qualcuno che volete ritrovare?

Sensitivo: Evoluzione o cambio forzato?

E’ da un po’ di tempo che rifletto sull’evoluzione della figura del sensitivo,e saranno d’accordo anche i miei colleghi, che il nostro rapporto con le persone sta diventando sempre di più un rapporto amichevole, di consigliere, per aiutare a risolvere soprattutto le ansie della vita quotidiana che ci affliggono, a differenza di prima che, chi voleva farsi assistere da una persona dotata di poteri extrasensoriali, sembrava quasi volesse una diagnosi, come quando si và dal medico per un problema fisico.
Con questo voglio mettere in evidenza un aspetto importante che si sta incominciando a delineare nella mente delle persone che si avvicinano a questo mondo, ovvero la giusta prospettiva che finalmente mette in luce un nuovo modo di vedere la figura del sensitivo.

Forse saranno state le continue campagne denigratorie nei nostri confronti… come se la gente non fosse abbastanza adulta e responsabile da poter decidere con serenità e tranquillità cosa fare della propria vita. Oramai, e questo lo dico con immenso stupore, nessuno si reca da me alla ricerca della verità assoluta, nessuno mi chiede di riavere la persona amata o di ottenere quella cosa ad ogni costo e mi accusa di essere un ciarlatano se non ci riesco. Questo non può farmi altro che piacere, non solo per il fatto che i clienti con quest’atteggiamento mi danno più fiducia ad aiutarli, ma essenzialmente perché sono sollevato dal fatto che sembra essere chiaro il concetto che se fosse tutto così facile e ogni obiettivo si potrebbe raggiungere con il minimo sforzo allora potrebbero riuscirci tutti e le mie doti non sarebbero extrasensoriali ma al massimo extranormali.

Dunque contribuisce all’ evoluzione della figura di sensitivo anche un altro aspetto importante che ho osservato, ovvero che non è chi cerca il sensitivo che sta mutando il proprio modo di vedere la mia figura ma è l’esperienza che ci ha fatti adattare, visto l’aumento increscioso di truffe e la conseguente paura di incorrere in queste. Anche per questo c’è un modo diverso di svolgere la professione da parte nostra che inevitabilmente ci porta a diventare più come una figura di consigliere che come ricercatori della verità assoluta.
Personalmente, ho sempre pensato che guardare le cose da un altro punto di vista non può far altro che bene  ed il primo modo per dimostrarlo è mettere in discussione se stessi, essere veri è il primo passo per ricercare la verità.
A voi la scelta!

I legamenti d’amore tra amuleti e talismani.

Quando mi è venuta l’idea di dare vita a questo blog, il mio scopo era (e rimane) quello di cercare un’interazione con voi che avete mille dubbi sulla magia, perciò la mia scelta è stata quella di mettermi in goco per confrontarmi con voi, ma anche per farmi conoscere, non solo come mago,  sensitivo , chiromante, veggente: voglio farmi conoscere principalmente come uomo, come amico con cui parlare e condividere problemi, angosce, paure, desideri. Pertanto, cerco di aiutarvi a regalare a voi stessi delle opportunità; opportunità che non per forza si tramuteranno in risultati sperati, ma in possibilità dove mettere in campo le vostre abilità per sfidare il destino che spesso è ostile. A tal fine voglio farvi conoscere alcuni miei strumenti di lavoro, che nelle mie pratiche magiche rivestono un ruolo di co-protagonisti in quanto mirano a potenziare gli effetti dei miei rituali magici. Mi riferisco ad amuleti, talismani e pentacoli. Vediamoli nel dettaglio. Gli amuleti, utilizzati fin dalla notte dei tempi da maghi e stregoni del vicino Oriente, sono costituiti da oggetti con funzione protettiva: ciò significa che il loro obiettivo è quello di proteggere da circostanze o persone malefiche colui che ne è in possesso. Quindi l’amuleto glissa il pericolo o lo annulla: il suo è dunque un potere passivo (solo di difesa), ma non per questo meno forte. Interessante è il materiale di cui sono composti: di solito tessuto organico di animali, piante, fiori. Ma non mancano amuleti fatti di pietre: io ne realizzo alcuni con le mie mani, anche quando effettuo legamenti d’amore, perché il cliente ha sempre bisogno di essere protetto  specie da influenze esterne di non poca rilevanza. I talismani, invece, hanno un potere attivo: non solo hanno lo scopo di proteggere il possessore dalle insidie esterne, ma tendono a infondere positività e serenità. A tal fine, quando ne realizzo qualcuno, seguo un procedimento che si basa sulla purificazione e consacrazione del talismano: è un oggetto realizzato ad personam, perciò non si può cedere a terzi. Il suo campo d’azione è vario e il materiale di cui è fatto può essere svariato: carta, argento, bronzo, oro. Sia i talismani sia gli amuleti rappresentano un punto di riferimento per i problemi d’amore in genere.

L’astrologia: anche i corpi celesti a portata di sensitivo!

Il mago moderno è colui che ritiene l’aggiornamento professionale una condizione essenziale per svolgere il suo lavoro con serietà ed onestà. Come tutti i mestieri, anche quello del sensitivo è soggetto a formazione continua e a spostamenti in luoghi dove la magia è ritenuta sacra o fenomeno da approfondire per conoscerne gli oscuri risvolti, al fine di studiare più da vicino gli antichi riti per poi modularli e applicarli nella realtà odierna. Ma la magia non è solo incantesimi. Va ben oltre e comprende anche l’astrologia, una scienza che è nata con gli antichi Babilonesi (ed è proseguita con gli Egizi e con i Greci), che concepivano pianeti come divinità attribuendo loro un ruolo divinatorio a cui attingere per far fronte a problemi di guerra o di politica. Solo con il tempo, l’astrologia iniziò ad evolversi in “scienza” con funzione previsionale in modo da rappresentare il primo passo verso la magia dove gli influssi dei pianeti si riverberano sull’attività e personalità umana. Il mago, quindi, è anche un esperto di astrologia: interpreta il moto dei pianeti, redige la carta astrale e si concentra sul tema natale. Con i segni zodiacali costruisce la personalità e le doti caratteriali del richiedente e lo aiuta in ogni campo di vita. Oltre l’oroscopo, che è sempre qualcosa da verificare e sperimentare giorno dopo giorno, il sensitivo delinea le affinità di coppia e comprende il bagaglio affettivo e sociale di chi chiede il consulto. Ma per risolvere questioni importanti e per incrementare gli effetti del risultato ambito, il mago deve saper sintetizzare astrologia e magia: alle previsioni della carta astrologica (nei prossimi post ne parleremo!) deve unire i rituali di magia bianca, magia nera, magia rossa, in modo da garantire più opportunità possibili. Infatti, dalla combinazione di una serie di scienze occulte è possibile ottimizzare i risultati dei rituali. Attraverso l’astrologia, il mago conosce tendenze, comportamenti, il bagaglio emozionale del passato, insomma l’ego del richiedente: solo così potrà affiancare il rituale più adatto alle esigenze di chi ha bisogno di un intervento extra-sensoriale. Voi di che segno zodiacale siete?

Altre doti del sensitivo: il contatto con gli Arcangeli

Avete mai creduto alla storia dell’angelo custode? Tipo l’angelo bianco del telefilm “Streghe”? Si, proprio quell’angelo bianco che poi diventerà il marito della materna Piper e che aiuterà con la sua magia bianca le sorelle Halliwell nella lotta contro il male? Ebbene, proprio lui! Ma, gli angeli non esistono solo nei film o nel mondo cristiano, si trovano anche nelle scienze occulte e possono aiutare nella divinazione. Mentre nei testi cristiani, molti dubbi permangono in capo ai vari Arcangeli, nel mondo dell’esoterismo tutto è ben chiaro: l’esperto di arti magiche può altresì mettervi in contatto con entità benefiche o ultraterrene. In specie, l’esperto cercherà di contattare soprattutto gli Arcangeli. Il motivo è semplice: queste entità presiedono vari campi di vita e possono propiziare la nostra esistenza dandoci una marcia in più nella risoluzione dei problemi materiali. Sappiate che per ogni Arcangelo vi è un giorno della settimana propizio e che vi sono dei formulari specifici per invocarli che non enunceremo in questa sede, in quanto la magia fai da te non è quasi mai risolutiva: solo l’esperto può conoscere i meandri arcani della magia, quella pura. Ad ogni modo, ritorniamo agli Arcangeli. Chi sono costoro? Al di là dell’etimologia, si tratta di entità preposte al comando di una sfera umana, mettono in contatto il divino con l’umano: contattarli significa chiedere una mano nella risoluzione dei problemi. Gli Arcangeli sono sette, ognuno con un nome diverso e un campo d’azione differente. Conosciamoli nel dettaglio. Dunque, cominciamo con l’Arcangelo Cassiel che opera nell’ambito  dello scibile e delle problematiche immobiliari; continuiamo con Samael che presiede la vittoria: vi farà superare i vostri nemici per assaporare il gusto della vincita. Se avete problemi d’amore e state vivendo un periodo turbolento allora rivolgetevi ad Anael: presiede la sfera sentimentale. Per propiziare i vostri viaggi (di lavoro e di divertimento) invocate Gabriel: vi aiuterà a conoscere nuova gente o riconciliarvi con il vostro partner, magari dopo una turbolenta lite. Per questioni inerenti alla carriera e al benessere materiale, rivolgetevi rispettivamente a Michaele e Sachiel: il primo agisce nella sfera del successo professionale, mentre il secondo alla ricchezza materiale (in primis denaro). Dulcis in fundo, Raphael  che favorirà i commerci e vi terrà lontani dalle malattie. Per mettervi in contatto con un Arcangelo, rivolgetevi ad un esperto sensitivo: vi guiderà verso l’armonia.

 

Magia e candele: come e perché?

Ogni rituale di magia (che sia di magia bianca, magia nera, magia rossa) presenta delle sfaccettature alquanto singolari, non solo per la solennità delle parole e dei gesti, ma anche per il simbolismo che ne accompagna. Ogni incantesimo, infatti, abbisogna di oggetti dotati di un certo potere energetico che viene canalizzato come un flusso capace di propiziare il risultato del rito. La magia è un mondo pieno di misteri imperscrutabili, perché non è solo fatta di entità potenti, delle capacità del sensitivo, di gestualità, formalità, ma anche di oggetti materiali (a volte anche piccoli o banali) che hanno un ruolo di co-protagonisti per tutta l’esecuzione del rito. Inoltre, per i dilettanti, utilizzare questi oggetti potrebbe costituire una marcia in più per propiziarsi qualche legamento d’amore o qualche incantesimo di magia rossa e risvegliare i sensi del piacere. Tra questi oggetti simbolici annoveriamo le candele, il cui colore va sempre abbinato al tipo di rituale da praticare nel giorno fasto. Ma perché questi abbinamenti? Semplice: quando viene eseguito un rituale si sprigionano energie spesso incontrollabili, misteriose e dall’intensità pazzesca. L’odore e il colore delle candele piace a queste forze superiori, le cullano tenendole come forze positive per chi chiede il rito. Inoltre, i colori soffusi e gli odori aromatici/fruttati rilassano anche il sensitivo/mago e chi chiede il consulto mettendolo a proprio agio. Ma quale colore scegliere? Dunque, dipende dall’obiettivo che volete conseguire:

- per l’amore gentile e cortese, il colore della candela è il bianco, simbolo della purezza e della protezione. Il giorno più propizio è il lunedì: il giorno della Luna.

- per migliorare la sfera professionale e scalare la vetta, scegliete le candele gialle: il giorno più propizio sarà la domenica, in cui il Sole proteggerà il vostro operato.

- per la salute il colore giusto per le candele è il celeste: è il colore  della protezione, della saggezza. Fatelo di venerdì, il giorno dedicato a Venere.

- per un amore passionale ed erotico scegliete candele rosse: aiuteranno a massimizzare la passione nel vostro partner. Il giorno propizio è il martedì, consacrato a Marte.

Per completare la scenografia “magica”, una musica melodica contribuirà a miscelare le energie risvegliate e a indirizzarle verso il destinatario del rito.